REVENANT – Roberto Toja
559
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-559,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

REVENANT

Date
Category
projects

Revenant?

È il fenomeno accaduto, atteso, controverso.

È tutto quello che è stato, che sarebbe stato o che avrebbe potuto essere o diventare, accadere o divenire per azione o per parola!

È tutto quanto è stato annullato per accidente, per causa voluta, per scelta deliberata.

Revenant?

È tutto quello che non è più o che non potrà mai essere.

È tutto quello che rimane di ieri, delle indecisioni, delle paure, così forte, sempre presente e capace di vivere una propria esistenza, d’avere per sé un proprio tempo e di nutrirsi di ogni qualcosa d’irrisolto che risiede nell’angolo più intimo della mente. Di ogni più nascosto rimpianto.

Revenant?

È spirito, è anima, è presenza concreta e carnale. Sono io riflesso nella maschera che sono, sono io che mai sarò e che avrei voluto essere.

Revenant è l’evento accaduto senza immagine e senza ricordo.

Revenant è l’ipotesi condizionante l’agire presente.

Revenant è il passato, sono io di ieri.